venerdì 6 novembre 2015

Fabrizio Corona, nuova vita tutta casa, chiesa e lavoro

Tutto casa, lavoro e chiesa. Il Fabrizio Corona che non ti aspetti è questo, immortalato negli scatti di Novella 2000. Look casual in tuta da ginnastica, auricolari e occhiali da sole, l'ex paparazzo entra nella chiesa di Sant'Angelo, per un momento di raccoglimento davanti a San Carlo Borromeo, che porta il nome di suo figlio e il cui motto era l'umiltà. Mentre Silvia, la Donatella mora gli dichiara il suo amore, lui prega...


Cerca rifugio nella fede Fabrizio, che da martedì 27 ottobre è finalmente libero, dopo che il Tribunale di Milano gli ha permesso di lasciare la comunità di Don Mazzi e di tornare a casa. Libero e... diverso. La vita dell'ex paparazzo sembra essere cambiata radicalmente. Niente più grilli per la testa, niente più sorprese, 2 anni e 4 mesi di carcere hanno lasciato il segno. Nella chiesa di Sant'Angelo, che dista pochi minuti da casa sua e dal suo ufficio, Corona sembra cercare la pace di cui ha bisogno per capire, ma anche per impostare la sua nuova vita all'insegna della moralità e della rettitudine.
Si affida alla preghiera davanti alla statua di San Carlo, che dovrebbe insegnarli una virtù tra quelle che meno gli sono appartenute nella sua turbolenta vita passata: l'umiltà. La speranza è che la fede lo aiuti davvero a cambiare definitivamente stile e... modi.
Un restyling che passa anche dalle persone che gli sono sempre state accanto, oltre alla sua famiglia anche e soprattutto Francesca Persi, la sua collaboratrice, che non lo ha mai abbandonato sin dalla sua fuga in Portogallo. Per molti è lei la sua "donna segreta".
Meno segreta è invece Silvia, la sexy morettina del duo le Donatella, che di recente gli ha dichiarato il suo amore. Su di lei Corona non si pronuncia. Per ora mantiene il silenzio su tutto... un religioso silenzio.