mercoledì 10 giugno 2015

Globi d'Oro, avanti la commedia: Zoro e Comencini in pole nelle nomination

In netta controtendenza con gli altri premi del cinema italiano - vale a dire i David di Donatello, i Nastri d'argento e i Ciak d'oro - le candidature annunciate dalla Stampa Estera in Italia hanno messo in prima linea due commedie.
Sono infatti Latin Lover di Cristina Comencini e Arance e martello di Diego Bianchi (alias Zoro) i film che si sono aggiudicati più nomination - 4 a testa - ai Globi d'Oro, che saranno consegnati in una serata di gala martedì 16 all'Ambasciata di Francia a Palazzo Farnese. 
 


I giornalisti stranieri li hanno preferiti ai pezzi grossi di quest'anno, che comunque sono stati segnalati nella cinquina per il Miglior Film, con la notevole eccezione di Youth - La giovinezza. In gara ci sono infatti Mia madre di Nanni Moretti, Il racconto dei racconti di Matteo Garrone, Anime nere di Francesco Munzi, Il giovane favoloso di Mario Martone e, a sorpresa, Fango e gloria di Leonardo Tiberi. 
«C'è stato un grande dibattito tra noi - ha spiegato Richard Heuzé, membro del comitato di selezione, riguardo l'esclusione di Sorrentino - per inserirlo avremmo dovuto escludere qualcun altro. Abbiamo avuto un colpo di fulmine per Fango e gloria, la docufiction sulla Prima Guerra Mondiale». A Palazzo Farnese verrà inoltre consegnato il premio alla carriera allo scenografo Dante Ferretti e sarà annunciato il vincitore del Gran Premio della Stampa Estera.