venerdì 20 febbraio 2015

Sanremo, Emma e Arisa in "guerra" fanno arrabbiare Conti. E Rocio diventa Rocio Vileda

Ancora indiscrezioni sull’ultima edizione di Sanremo.
Stavolta a dar qualche dietro le quinte è Carlo Mondonico su “Novella2000”, che si sofferma sul trio di vallette: “Le due cantanti nel ruolo di vallette hanno deluso anche lui – fa sapere la rivista - che sperava di più nella loro spontaneità e nella loro complicità. 



Se in pubblico si sono sempre mostrate carine e sorridenti, dietro le quinte la loro indifferenza ha predominato, soprattutto dopo che Arisa ha chiesto il “licenziamento” della sua addetta stampa Valeria Castelli (che nega), che da anni segue i più importanti personaggi, soltanto perché in passato ha lavorato anche con Emma e con la quale ha mantenuto un ottimo rapporto. Da quel momento le due vallette hanno evitato ogni tipo di contatto, rifiutandosi di cantare ancora insieme come hanno fatto la prima sera, facendo un omaggio a Pino Daniele e Mango, scatenando l’ira di Conti. E mentre loro due si “scannavano” la terza valletta Rocìo Munoz Morales piangeva. Ha pianto sul palco dopo aver ballato sulle note del cantautore scomparso Mango, per poi ammettere: «Mango non lo conoscevo, l’ho scoperto qui preparando il balletto. Ho pianto per l’emozione». Sul suo volto le lacrime non hanno mai smesso di scendere, in camerino, in albergo, al ristorante e al telefono con il fidanzato Raoul Bova, che la spagnola non ha voluto al suo fianco per non sentire troppa pressione. Per questa sua emotività l’hanno soprannominata “Rocio Vileda” (le serve il secchio per raccogliere le lacrime), e se la sensibilità non l’ha aiutata sul palco, gli autori non hanno saputo sfruttare la sua simpatia e la sua parlata “spagnoleggiante” che piace agli italiani”.